Associazione Borgo Solidale DopodiNoi

Avete accettato un figlio speciale mettendoci una vita intera ad accoglierlo così com’era, con una consapevolezza, sempre più crescente, che tutto quello che stavate facendo per lui (visite specialistiche in giro per il “mondo”, fisioterapie infinite, estenuanti logopedie, fughe della “speranza” per “miracolosi” centri iperspecializzati di riabilitazione) non avrebbe mai portato a quel risultato che desideravate per lui e per voi: una vita (quasi) normale.

E ora… gli anni sono già tanti, vostro figlio è cresciuto, voi siete sempre più stanchi. Stanchi di lottare con la ASL per qualche ora di sostegno in più; stanchi di combattere per ottenere un ausilio che non va mai bene per come dovrebbe essere e che, per giunta, vi hanno fatto cadere dall’alto; stanchi semplicemente perché da quando vi svegliate il vostro pensiero è per lui, la vostra giornata è scandita sui suoi tempi e non riuscite ad essere, come vorreste, genitori equi per gli altri figli.

E dopo?…chi potrà mai amare vostro figlio come lo avete amato voi? Nessuno, certo!

Ma almeno sperate che quelli a cui lo affiderete lo conoscano, lo sappiano rispettare ed accudire con almeno la metà di quella delicatezza che voi solo sapete, perché: il pannolone va messo così, in carrozzina è meglio seduto così, beve solo così, è contento solo così……

Non potete nemmeno pensare che, quando non ci sarete più, potrà essere in balia di quegli “orchi” che la TV ogni tanto scopre.

Ora avete bisogno di potervi fidare, perché il futuro vi sgomenta.

L’ideale sarebbe che potesse vivere in una famiglia “supplente”, con persone che lo hanno conosciuto ed hanno dimostrato di saperlo accogliere nelle sue tante necessità.

Sarebbe bello che fosse accolto in un posto “bello ! ”, tra persone serene che continuano a trasmettere, a chi li affianca nel tempo, quelle consuetudini che tengono alta la qualità di vita che a vostro figlio spetta di vivere sempre.

Questo è un sogno?

No! è una speranza, che con altri compagni di fatica ORA potete cominciare a costruire pazientemente, consapevoli degli ostacoli che il mondo vi porrà ancora una volta davanti e che, comunque, potrete superare NON sentendovi più SOLI.


0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *